Rambod Rahmani's Blog

Voglio il movimento, non un'esistenza quieta.
Voglio l'emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa alla mia passione.
Voglio la verità, invece che amore, denaro e fama.

Freedom to Learn

Taken from the book "Freedom to Learn" by Carl Rogers.

Unassuming in appearance and casual in dress, Carl frequently astounded people with his ability to listen.
[...]
Above all, he valued the worth and dignity of the individual and trusted their capacity for self direction if given the proper environment.
[...]
All individuals have within themselves the ability to guide their own lives in a manner that is both personally satisfying and socially constructive. In a particular type of helping relationship, we free ... the individual to find their inner wisdom and confidence, and they will make increasingly healthier and more constructive choices.
[...]
Our educational system is failing to meet the real needs of society. Our schools constitute the most traditional, conservative, rigid, bureaucratic institution of our time. It is the institution most resistant to change.
[...]
It is their curiosity, their eagerness to learn, and their ability to make difficult complex choices that will decide the future of our world. We need the help of all of our young - the desparing, alienated youth of the inner city; the aimless, affluent youth; the serious, thoughtful children; the whole great mass of our young people - if we are to preserve this fragile planet and build a future world worthy of whole persons.

Read More →

Computer Vision with Python

Just finished a new Udemy course, "Computer Vision with Python" by Frank Anemaet.


Follow up as I upload source codes on my GitHub account: Computer Vision with Python on GitHub.


Course Description
Introduction course to Computer Vision with Python.
Multimedia apps, Image Similarity apps, Obect Detection apps.
Face detection apps, Reverse Image Search app, Image processing....

Read More →

Installazione Arch Linux Full Disk Encryption (LVM on LUKS) (incluso /boot)

Ho pensato di aggiungere una nuova repo su GitHub contenente istruzioni minimali per installare Arch Linux con Full Disk Encryption (LVM su LULS) inclusa la partizione /boot.

La trovate al seguente indirizzo: Installazione Arch Linux Full Disk Encryption (LVM on LUKS) (incluso /boot).

Read More →

"Spooky Action at a Distance"

Some of what quantum theory predicts and states is almost like something out of science fiction. Matter can essentially be in an infinite number of places at any given time; it is possible that there are many worlds or a multiverse; things disappear and reappear somewhere else; you cannot simultaneously know the exact position and momentum of an object; and even quantum entanglement (Einstein referred to it as spooky action at a distance) where it’s possible for two quantum particles to link together effectively making them part of the same entity or entangled.

If quantum mechanics hasn’t profoundly shocked you, you haven’t understood it yet. Everything we call real is made of things that cannot be regarded as real.
~ Niels Bohr

Read More →

Imaginary Numbers Are Real

More information and resources: http://www.welchlabs.com

Imaginary numbers are not some wild invention, they are the deep and natural result of extending our number system. Imaginary numbers are all about the discovery of numbers existing not in one dimension along the number line, but in full two dimensional space. Accepting this not only gives us more rich and complete mathematics, but also unlocks a ridiculous amount of very real, very tangible problems in science and engineering.

STUDY HARD WHAT INTERESTS YOU THE MOST IN THE MOST UNDISCIPLINED, IRREVERENT AND ORIGINAL MANNER POSSIBLE.
~ Richard Feynman

Read More →

The Joy of Mathematics

Just finished watching "The Joy of Mathematics" Taught by Professor Arthur T. Benjamin, Ph.D.

Read More →

I am a Hacker and this is my Manifesto.

Il Manifesto Hacker (nell'originale inglese The Hacker Manifesto o The Conscience of a Hacker) è un breve saggio scritto l'8 gennaio 1986 da un hacker che si faceva chiamare The Mentor. Fu scritto poco dopo l'arresto dell'autore, e pubblicato per la prima volta sulla Ezine Phrack.

Another one got caught today, it's all over the papers. "Teenager Arrested in Computer Crime Scandal", "Hacker Arrested after Bank Tampering"...
Damn kids. They're all alike.

But did you, in your three-piece psychology and 1950's technobrain, ever take a look behind the eyes of the hacker? Did you ever wonder what made him tick, what forces shaped him, what may have molded him?

[...]

We explore... and you call us criminals. We seek after knowledge... and you call us criminals. We exist without skin color, without nationality, without religious bias... and you call us criminals.
You build atomic bombs, you wage wars, you murder, cheat, and lie to us and try to make us believe it's for our own good, yet we're the criminals.

Yes, I am a criminal. My crime is that of curiosity. My crime is that of judging people by what they say and think, not what they look like.
My crime is that of outsmarting you, something that you will never forgive me for.

I am a hacker, and this is my manifesto. You may stop this individual, but you can't stop us all... after all, we're all alike.

Read More →

If you bring some software, they will say "oh no, don't share it, sharing means you are a pirate, sharing means you will be put in jail".

You know, when I was a kid and I went to school, the teachers were trying to teach us to share.
They said "if you bring some candy, you can't eat them all yourself. You've gotta share with the other kids".
But now the administration says teachers should be teaching kids to say YES to licensing.
If you bring some software, they will say "oh no, don't share it, sharing means you are a pirate, sharing means you will be put in jail".
That's not the way society should work. We need the will, the willingness to help other people, at least when it is not too hard. Because that is the basis of society. That is the foundamental resource, that gives us a society istead of a doggy dog world.

Read More →

Voglio la verità, invece che amore, denaro e fama.

Voglio il movimento, non un'esistenza quieta.
Voglio l'emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa alla mia passione.
Voglio la verità, invece che amore, denaro e fama.
Avverto dentro di me una sovrabbondanza di energia che non trova sfogo in una vita tranquilla.
Guardate i bambini: sono innocenti e amano la giustizia, mentre buona parte di noi è malvagia e naturalmente preferisce la pietà.
Ciò che conta sono le esperienze, i ricordi, l’immensa gioia di vivere a fondo, che dischiude il significato vero dell’esistenza. Incredibile quanto sia meraviglioso essere vivi.
Grazie.

Read More →

…sharing isn’t immoral — it’s a moral imperative. Only those blinded by greed would refuse to let a friend make a copy.

Guerilla Open Access Manifesto

Information is power. But like all power, there are those who want to keep it for themselves. The world’s entire scientific and cultural heritage, published over centuries in books and journals, is increasingly being digitized and locked up by a handful of private corporations. Want to read the papers featuring the most famous results of the sciences? You’ll need to send enormous amounts to publishers like Reed Elsevier.

There are those struggling to change this. The Open Access Movement has fought valiantly to ensure that scientists do not sign their copyrights away but instead ensure their work is published on the Internet, under terms that allow anyone to access it. But even under the best scenarios, their work will only apply to things published in the future. Everything up until now will have been lost.

Read More →

This is why programmers are so annoyed when you distract them.

This is why programmers are so annoyed when you distract them.

Working on large abstract systems involves fitting the whole thing into your mind – somebody once likened this to constructing a house out of expensive crystal glass and as soon as someone distracts you, it all comes barreling down and shatters into a thousand pieces.

This is why programmers are so annoyed when you distract them.

Read More →

La pirateria è per me un’applicazione pratica di democrazia.

La pirateria è per me un’applicazione pratica di democrazia.
E non sono nemmeno tanto preoccupato della mia mancanza di diplomazia.

To me, piracy is a practical application of democracy.
And I'm not even so worried about my lack of diplomacy.

La pirateria è per me un’applicazione pratica di democrazia.
Read More →

Non mi interessano gli esami: non sono produttivi. Ma imparo dalle mie esperienze per riuscire a rendere il mondo un posto migliore.

Purtroppo, crescendo, mi sono accorto che tutto cio che avevo attorto, di cui le persone mi avevano parlato, di cui mi avevano detto fosse il modo naturale di essere delle cose, non era naturale per niente. Erano cose che si potevano cambiare, ma cosa ancora più importante, erano cose del tutto errate che dovevano essere cambiate. E una volta che lo realizzai, non c’era più un modo di tornare indietro.

Read More →

Il pesciolino nero di Samad Behrangi

Samad Behrangi era un maestro di scuola elementare. Viveva in Iran e scriveva storie bellissime in lingua persiana. Amava molto i bambini del suo paese, per i quali desiderava un mondo nel quale non fossero costretti a lavorare come piccoli schiavi, ma potessero andare a scuola per imparare a leggere e a sognare.
Nel 1968, a ventinove anni, scrisse Il pesciolino nero. Pochi mesi dopo morì, assassinato nelle acque di un fiume. Oggi non c’è bambino in Iran che non conosca questa storia, che non consideri il suo protagonista uno dei grandi eroi nati da quella incantevole terra.

Così Mario Casari presenta Il pesciolino nero di Samad Behrangi.

Samad Behrangi, il più alto al centro della foto.

Read More →

The Internet’s Own Boy: The Story of Aaron Swartz

È arrivato il film su Aaron Swartz (quasi un mese fa). Una delle menti più brillanti che la rete abbia mai avuto: un genio e visionario ucciso dall’amministrazione Obama.
Sono ancora arrabbiato.
Non mi pento di quello che ho fatto e farò, non sono dispiaciuto.
Non sono preoccupato per quello che potrebbe accadermi.
Mi preoccupa maggiormente il fatto che tutto questo vada bene alla maggior parte delle persone: sono preoccupato per il fatto che a nessuno interessi il fatto che i sistemi giudiziari delle società in cui viviamo cercano di intrappolare le persone per rovinarne la vita.
Sono molto dispiaciuto per il fatto che questo è ciò che noi, come individui, reputiamo essere il normale.

“Aaron is dead.
Wanderers in this crazy world,
we have lost a mentor, a wise elder.
Hackers for right, we are one down,
we have lost one of our own.
Nurtures, careers, listeners,
feeders, parents all,
we have lost a child.
Let us all weep.”
Read More →

Siamo due volte lontani dalla luce, direbbe Platone.

I movimenti di indignazione popolare sorti negli ultimi anni hanno la caratteristica di essere nati e cresciuti in costante contatto con le tecnologie digitali di massa e hanno, quindi, una vocazione che richiama le pratiche che si sviluppano negli ambiti del cosiddetto Web 2.0′. Innanzitutto hanno la percezione di essere massa: non a caso si parla di Popolo della Rete. Sentono che possono dar voce alle loro idee, poiché la libertà di espressione è uno degli slogan con cui si promuovono i flussi costanti di comunicazione, necessari all’espansione della Rete stessa. L’antica virtù che ispirava la libertà di parola, la parresia (dal greco pan, «tutto», e rhema, «ciò che viene detto»), diventa un imperativo categorico a esporre le proprie viscere online. In un momento di violenta crisi economica, questi movimenti sentono di essere la Maggioranza, il 99%, i cittadini accolti nel Web e dimenticati dalla politica. Non stupisce quindi che amplifichino il senso di uguaglianza indossando la maschera del cospiratore cattolico inglese Guy Fawkes (come rappresentato nel romanzo grafico di Alan Moore e David Lloyd, V for Vendetta, e nell’omonimo film prodotto nel 2005 dai fratelli Wachowski), invece che coltivare un assetto multidentitario e differenziale. L’obiettivo principale di questa maggioranza indignata è l’abbattimento delle tecno-burocrazie statali, percepite (a ragione) come élites corrotte, clientelari, forti con i deboli (i cittadini indignati) e deboli con i forti (la cosiddetta Troika: Banca centrale europea – Fondo monetario internazionale – Unione europea).
Siamo due volte lontani dalla luce, direbbe Platone. Infatti il paradosso è lampante: questi movimenti cercano di abbattere le tecno-burocrazie statali appoggiandosi a forme di tecno-burocrazie digitali, i cui meccanismi di funzionamento sono ancora più oscuri di quelle precedenti.

Read More →

Condividere non è immorale, ma è un imperativo morale. Solamente coloro che sono accecati dall’avidità potrebbero impedire che un amico possa copiare.

Perché gli studenti in Iran, o in India o in qualunque paese del Medio Oriente non hanno accesso agli stessi documenti a cui ho accesso io o studenti negli Stati Uniti? Come si fa ad accettare che, ad oggi, persino la conoscenza sia censurata?
Condividere non è immorale, ma è un imperativo morale. Solamente coloro che sono accecati dall'avidità potrebbero impedire che un amico possa copiare.

Read More →

Ciclope: Raspberry Pi based Humanoid

Ciclope: L'umanoide basato sul Raspberry Pi di RAMBOD RAHMANI
Uno degli ultimi progetto che ho intrapreso si chiama Ciclope: si tratta di un robot umanoide basato sulla scheda Raspberry Pi.
Il progetto ha un blog dedicato che potete trovare al seguente indirizzo Ciclope: Raspberry Pi based Humanoid

Read More →

Rambod Rahmani si diploma

Dopo cinque anni di studi presso il Liceo Scientifico "G. Spano" Sassari, è arrivato anche per me il momento di diplomarmi e lasciare il mondo della scuola per quello universitario. Come ricordo questi cinque anni? Per essere sinceri il mio intero percorso scolastico lo riassumerei con una citazione:

"By the time I got to school, I had already read a couple hundred books. I knew in the first grade that they were lying to me because I had already been exposed to other points of view. School is basically about one point of view — the one the teacher has or the textbooks have." - Alan Kay
InfinitySMS APP
Read More →

Rambod Rahmani nell'Albo Nazionale delle Eccellenze

Finalmente arriva la tanto attesa conferma: Rambod Rahmani nell'Albo Nazionale delle Eccellenze nella "1^ fascia di merito" per "Gara nazionale a gruppi" in ambito "Umanistico-linguistico a squadre".

Read More →

Rambod Rahmani, Il ragazzo che fa dialogare le navi

La Nuova Sardegna scrive di Rambod Rahmani:

Il ragazzo che fa dialogare le navi.
Sassarese di origine iraniana ha realizzato un software per la Marina militare.

SASSARI. La sua invenzione ha ottenuto l’approvazione del Comando della Marina militare ed è già installata in via sperimentale sulle navi d’attracco San Giorgio. La navigazione porta bene a Rambod Rahmani perché è nel mare di Internet che ha pescato l’aggancio giusto per realizzare un sistema, su standard Nato, di tre software diversi che hanno rivoluzionato la messaggistica tra unità navali.

Read More →

Rambod Rahmani a “I Giovani e Le Scienze 2012″

Dal 14 al 16 Aprile 2012 ho partecipato al concorso "I Giovani e Le Scienze" con il progetto A.S.C. (Accettazione, Smistamento e Controllo). Il concorso europeo "I Giovani e Le Scienze 2012", organizzato dalla Fast (Federazione delle associazioni scientifiche e chimiche), si è tenuto a Milano. Sono così diventato, come mi ha soppranominato la Nuova Sardegna, "il ragazzo che fa dialogare le navi",

Read More →

Rambod Rahmani's blog is online…

Finalmente il momento è giunto, ho creato questo blog molto tempo fa ma solamente ora inizio a utilizzarlo.
Iniziamo con le presentazioni: Mi chiamo Rambod Rahmani e sono nato il 12 agosto 1993. Studio, per ora, al liceo scientifico e studio programmazione da autodidatta diversi anni.

Read More →